Cosa è Google Shopping?

Gli annunci di Google Shopping vengono visualizzati all’interno dei risultati di ricerca (SERP) come immagini sopra o accanto agli annunci di testo e alle inserzioni organiche, come nell’esempio qui sotto. A differenza degli annunci di testo, però, gli annunci di Google Shopping portano sempre un’immagine, un prezzo e altre descrizioni importanti che parlano direttamente di un prodotto specifico.

Questa è il primo articolo della nostra serie sull’utilizzo degli annunci di Google Shopping per far crescere le tue attività di e-commerce. Gli annunci digitali commerciali stanno diventando sempre più importanti e versatili. Possono apparire per ricerche di parole chiave precise, ad es. Una marca e un modello esatti del prodotto, rendendoli molto efficaci nell’abbinare i prodotti agli acquirenti.

Per utilizzare le campagne di Google Shopping, devi disporre di un account Google Ads e di un account Google Merchant Center sul quale devi essere in grado di esportare i tuoi prodotti dal tuo negozio di e-commerce.

Come per gli annunci di testo di Google (“Annunci di testo sulla rete di Ricerca”), mostrare i tuoi annunci è una pratica assolutamente gratuita. Pagherai solo quando un utente fa clic su di essi.

Google Shopping è stato introdotto per la prima volta negli Stati Uniti nel 2009. A differenza di Google Ads, Shopping non è ancora universalmente disponibile in tutto il mondo. Si sta ancora diffondendo in nuovi paesi. Di conseguenza, a causa della scarsa concorrenza, i prezzi dei clic in queste nuove località possono essere economici fino a $ 0,01 (1 centesimo), rendendo le vendite di tali annunci altamente redditizie.

Perché Google Shopping?

Puoi utilizzare le campagne di Google Shopping insieme agli annunci di testo esistenti o indipendentemente da essi, e poi puoi pubblicare diversi prodotti contemporaneamente negli annunci Shopping. In questo modo i tuoi prodotti possono occupare una parte significativa della pagina dei risultati di ricerca, offrendoti le massime opportunità di vendita.

Poiché alcune ricerche di prodotti altamente specifiche utilizzano parole chiave a volume relativamente basso, gli annunci di testo regolari potrebbero non essere nemmeno mostrati quando lo fanno gli annunci di Google Shopping, offrendo ai tuoi prodotti una visibilità extra che altrimenti non avrebbero potuto avere. Da questo punto di vista, infatti, la rete Shopping di Google rappresenta una ghiotta opportunità che non bisogna lasciarsi sfuggire, anche se la complessità dell’impostazione del Google Merchant Center può essere scoraggiante.

Inoltre, le campagne Shopping sono un’importante fonte di ricerca per parole chiave e parole chiave a corrispondenza inversa da utilizzare nelle campagne di annunci di testo e per l’ottimizzazione dei contenuti su pagina. E, soprattutto, abbiamo visto un aumento delle entrate del 10-40% dalle campagne di Google Shopping, oltre agli annunci di testo tradizionali.

Se non potete attendere i risultati della SEO

L’ottimizzazione dei motori di ricerca è in genere un gioco (o una guerra, a seconda di come la si voglia vedere) che si gioca sul lungo periodo. A seconda del mercato e della concorrenza con la quale ci si scontra, possono essere necessari mesi, trimestri o più per vedere risultati significativi. Gli annunci commerciali, tuttavia, possono generare immediatamente traffico e vendite.

Abbiamo seguito clienti le quali campagne Shopping mirate in cui il 60 percento dei visitatori acquista il prodotto entro la stessa ora di visualizzazione dell’annuncio.

Come funzionano le Campagne Google Shopping?

A differenza dei normali annunci di testo di Google che si basano sulle parole chiave selezionate e sul copy dell’annuncio che scrivi, le campagne di Google Shopping non richiedono parole chiave e nessun copy dell’annuncio.

Questi vengono creati automaticamente dai dati del prodotto. Ecco perché il Google Merchant Center è così rigoroso e scoraggiante nel suo setup iniziale: essendo l’intero processo per lo più automatizzato, è fondamentale che la Data Quality e la coerenza formale dei dati siano impeccabili. Questo, può decretare la differenza tra successo e fallimento delle tue campagne.

Significa anche che un’attenta segmentazione del prodotto e parole chiave a corrispondenza inversa sono un modo estremamente importante per controllare e ottimizzare le campagne di Google Shopping, per evitare di mostrare prodotti poco in linea con le ricerche effettive degli utenti.

Quando un utente cerca un prodotto, Google confronta il termine di ricerca con i segnali trasmessi dai tuoi prodotti. Quindi pubblica i tuoi annunci per tutti quelli che hanno, secondo algoritmi raffinatissimi, una corrispondenza ravvicinata. Ogni prodotto che vendi ha una URL univoca della pagina del prodotto, il che significa che ogni clic sull’annuncio Shopping invia il visitatore a un prodotto specifico, non alla home page o alla pagina di una categoria di prodotti.

A patto che gli vengano forniti dati di prodotto ben ottimizzati per ricerche specifiche, Google è sorprendentemente preciso nel far corrispondere i prodotti alle ricerche degli utenti, rendendo Google Shopping una fonte affidabile di investimento sul lungo periodo.

Tenere sotto controllo il Mercato e le spese con Google

La chiave del successo in Google Shopping – per tutti i commercianti di e-commerce – è tenere traccia delle vendite e dei profitti, ma molti non lo stanno ancora facendo. Vendite e profitto sono le cose più importanti da monitorare. In caso contrario, la gestione e l’ottimizzazione della campagna sono impossibili. Ecco perché impostare correttamente i dati di analisi, la segmentazione dei dati stessi ed il conversion tracking sono pratiche fondamentali, insieme all’impostazione dei KPI specifici per il tuo business.

Fortunatamente, i carrelli della spesa facilitano il monitoraggio in tempo reale, perché non tutti i prodotti vendono o realizzano profitti, specialmente sul breve periodo (fascia di prezzo molto alta o mercato estremamente ristretto di beni a lunga durabilità). Puoi controllare in Google Shopping quali prodotti mostrano annunci e focalizzare le tue campagne in modo che propongano una fetta del tuo inventario particolarmente conveniente, o implementare altre strategie e scelte di Marketing. Come diciamo sempre, le azioni tecniche sono importanti, ma la mente umana dietro all’implementazione delle strategie è fondamentale.

Monitorando le vendite, i profitti e i costi degli annunci – e quindi il ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS) – in quasi tempo reale, puoi ottimizzare le tue campagne per ottenere il rendimento migliore per singolo prodotto. Quindi, quando saprai che le tue campagne sono redditizie, sarai in grado di aumentare in modo sicuro il tuo budget per guadagnare di più, invece di provare a spendere meno.

Come iniziare a vendere con Google Shopping?

Google Shopping è un ambiente rigoroso con molte funzioni e regole. I tuoi prodotti potrebbero cambiare frequentemente, così come i prezzi e i livelli delle scorte. Il tuo negozio di e-commerce deve quindi essere sempre sincronizzato con il tuo account Merchant Center. Ciò eviterà che i tuoi annunci, prodotti e livelli di scorte diventino obsoleti, il che potrebbe comportare una sospensione.

Ma se segui le nostre semplici regole e mantieni approvati i tuoi prodotti, gli annunci di Google Shopping potranno avere molto successo. Tuttavia, non tutti i commercianti otterranno gli stessi risultati. Nella nostra esperienza, Google Shopping funziona meglio per i commercianti i cui prodotti hanno questi attributi:

  • Codici a barre,
  • Marche e modelli specifici,
  • Numeri di serie del produttore,
  • Numeri di articoli commerciali globali,
  • Dimensioni, forme, colori specifici.

Google modifica frequentemente le specifiche dei dati del prodotto, così come controlla spessissimo che i dati di Google Shopping siano sincronizzati con quelli del tuo e-commerce. A seconda del tuo mercato di riferimento, è possibile che vengano richiesti attributi opzionali e talvolta vengono visualizzati nuovi attributi.

 

Ottieni il tuo sconto del 10%

Dimostra che sei umano inserendo il tuo indirizzo email. Questo è importante perchè lo useremo per validare il tuo utilizzo del Coupon al momento dell'acquisto di un corso.

Ecco il tuo codice sconto da utilizzare su corsi.fuellabstudio.com : EARLYBIRD-FL2020-AK57&%

Rimani aggiornato sul Precision Digital Marketing

Non manderemo mai più di una email al mese, e saranno sempre incentrate su importanti novità per mantenere la tua attività online efficiente ed in linea con le normative e le best practices, e qualche offerta stagionale del nostro studio. 

Ok, abbiamo i tuoi dati in custodia e li useremo solo per gli scopi che già conosci.

Pin It on Pinterest

Condividi ora

Fai girare la voce nel tuo Network!