Come impostare il Google Merchant Center?

Il vostro inventario o il carrello del vostro e-commerce è un database che contiene tutti i tuoi prodotti con le loro immagini e caratteristiche, come prezzo, titolo e descrizione.

Per utilizzare gli annunci di Google Shopping, un commerciante deve prima esportare tutti i dati di quel carrello nel database di Google tramite il Google Merchant Center. Ciò richiede quello che viene chiamato un feed di dati. Il feed può essere realizzato con un processo manuale con una semplice esportazione di file, o in automatico con un’integrazione diretta più adatta al vostro E-commerce. Google fornisce anche la propria integrazione standard tramite Crawlers.

Questo è il secondo articolo della nostra serie “Come usare Google Shopping”. Il primo post, “Parte 1: i primi passi“, lo potete trovare cliccando sul link.

Gli annunci commerciali sono destinati ai commercianti di e-commerce che vendono prodotti fisici. Tutti gli annunci contengono come elemento centrale la foto dei prodotti. Gli annunci commerciali erano inizialmente chiamati annunci con scheda di prodotto. Sono stati lanciati nel 2009 e sono cominciati a comparire nei risultati di ricerca organici. È importante sottolineare che gli annunci erano, all’epoca, gratuiti. In questo modo i PLA sono diventati subito popolari. Ad oggi, Google offre ancora soluzioni gratuite integrate nel Google Merchant Center, come la possibilità di far apparire i prodotti all’interno di siti web partner e integrazioni varie su blog, app, e altre pertinenze della rete Google.

Tuttavia, Google ha avuto due problemi con il programma. In primo luogo, in assenza di regole specifiche e rigide, gli annunci a volte mostravano titoli e descrizioni di scarsa qualità o addirittura alterati. Dal momento che non pagavano per questo servizio, ai commercianti non importava molto di essere scrupolosi. Ciò ha comportato un’esperienza utente scadente, che Google non potrà mai tollerare.

Il secondo problema era che gli annunci non generavano entrate per Google. Per alcuni di noi era chiaro che questo non poteva continuare. Google ha risolto abilmente entrambi i problemi – scarsa qualità e nessuna entrata – colpendo i commercianti dove fa più male: nel portafoglio. Google ha collegato Merchant Center agli account Google Ads e ha lanciato il nuovo Google Shopping in base al modello di clic a pagamento (PPC) e una rigorosa specifica di regole dei dati di prodotto.

Cosa è il Google Merchant Center

Google Merchant Center è una dashboard in cui i commercianti possono monitorare e gestire i loro prodotti e feed, nonché diagnosticare e risolvere i problemi. Google può offrire suggerimenti in base alla sua conoscenza dei tuoi prodotti, del mercato e della posizione dei clienti e dei vostri negozi fisici. I commercianti possono utilizzare Merchant Center per gestire molti servizi Google, tra cui la Rete Display, il fondamentale Remarketing dinamico, i badge di recensione dei clienti, l’inventario locale per i negozi fisici, le offerte promozionali stagionali e ad hoc e le valutazioni dei prodotti con stelle.

Prima di utilizzare un account Merchant Center, un’azienda deve accettare tutte le norme pubblicitarie di Google. Li riassumeremo qui.

Norme Pubblicitarie base di Google

Google ha rigide politiche pubblicitarie per tutti i prodotti. A volte i prodotti vengono faticosamente caricati e catalogati dall’azienda solo per essere rimossi in seguito. Alcuni prodotti possono segnalare violazioni delle norme anche se in realtà sono creati legittimamente. Altri potrebbero essere inconsapevolmente travisati e causare una sospensione del prodotto o dell’account.

A causa dell’automazione, a volte anche Google non capisce immediatamente il problema. In caso di dubbi, Google può rimuovere i prodotti per un processo di revisione manuale (che può essere purtroppo molto lento).

Il mancato rispetto delle politiche può comportare la mancata approvazione di prodotti, la disapprovazione di singoli o di prodotti di massa o la sospensione di un intero account. Anche se c’è molto da considerare, il prezzo per i commercianti può essere significativo.

Linee guida per Merchant Center.

  • Promuovi solo i prodotti disponibili per l’acquisto diretto attraverso il tuo negozio, non i prodotti affiliati.
  • Pubblicizza solo nella tua lingua locale.
  • Avere una politica di restituzione e rimborso chiara e facile da trovare.
  • Raccogliere informazioni sugli utenti in modo sicuro e responsabile e solo per gli acquisti.

Attenzione ai prodotti non consentiti, che includono:

  • Merci contraffatte,
  • Prodotti pericolosi,
  • Dichiarazioni disoneste o ingannevoli,
  • Contenuti offensivi o inappropriati.

I prodotti soggetti a restrizioni sono legalmente o culturalmente sensibili e possono essere mostrati solo su base limitata, a volte solo in alcuni paesi. Nella nostra esperienza, i prodotti soggetti a restrizioni sono vulnerabili a cambiamenti radicali e sospensioni con breve preavviso. Evitate di affermare che i vostri prodotti possono curare malattie o migliorare lo stato di salute. Tenete anche a mente che talvolta potrebbero essere richieste licenze e certificazioni di terze parti.

I prodotti soggetti a restrizioni includono anche:

  • Articoli per adulti,
  • Alcol,
  • Contenuto protetto da copyright,
  • Gioco d’azzardo,
  • Assistenza sanitaria, medicinali e integratori,
  • Marchi.

Regole redazionali e professionali:

queste sono simili alle regole per gli annunci di testo nella rete di ricerca di Google, sono pertanto vietati:

  • URL imprecisi o fuorvianti.
  • Uso ingannevole del testo dell’annuncio.
  • Siti Web rotti o in costruzione.
  • Pulsante Indietro del browser disabilitato.
  • Siti non visualizzabili nei browser Web comuni.

Requisiti del sito Web:

dovete essere effettivi proprietari del sito Web e rivendicare e verificare il suo URL.

  • Le informazioni di contatto devono essere chiare e precise, compresi un numero di telefono o un indirizzo e-mail.
  • Il tuo sito web dovrebbe essere protetto HTTPS e SSL.
  • Pubblica una politica di restituzione chiara e evidente.
  • I termini e le condizioni di fatturazione devono essere chiari e facili da trovare.
  • Il processo di pagamento deve essere completo.
  • Gli articoli in vendita devono soddisfare le specifiche dettagliate dei dati di prodotto di Google (vedi sotto).

Requisiti della pagina di destinazione.

  • Ogni prodotto ha una pagina di destinazione e un URL specifici, in cui i visitatori arrivano dopo un clic sull’annuncio.
  • Mostra chiaramente il prodotto.
  • Con le varianti, il prodotto principale deve essere il più importante.
  • Mostra chiaramente il prezzo, che dovrebbe includere l’IVA se applicabile.
  • I prezzi zero o il prezzo su richiesta (ovvero i visitatori devono richiedere il prezzo) non sono ammessi.
  • Non nascondere informazioni importanti dietro popup o banner.
  • Rispettare le leggi e le normative locali, come l’età dei visitatori.
  • Le informazioni sulla pagina di destinazione devono essere sostanzialmente identiche al tuo annuncio.
  • La lingua deve essere coerente.
  • È necessario applicare la valuta locale.
  • I prodotti devono essere disponibili per l’acquisto.
  • Le condizioni del prodotto devono essere coerenti con gli annunci, come nuovi o usati.
  • Le pagine devono essere attive e funzionanti correttamente e devono trovarsi nello stesso dominio della registrazione di Merchant Center.
  • Linee guida aggiuntive si applicano a prodotti sfusi, abbonamenti software e dispositivi mobili

Specifiche dei dati di prodotto.

Consulta sempre il Centro assistenza di Google per verificare gli ultimi aggiornamenti. Le specifiche sono lunghe e dettagliate, ma vanno sempre lette in quanto spesso cambiano. Inoltre, le specifiche del prodotto hanno la loro tassonomia categorizzata.

È meglio includere il maggior numero possibile di attributi di prodotto, anche se sembrano banali o irrilevanti; forse lo saranno per voi che conoscete il vostro prodotto o la vostra azienda, ma ricordate che dietro a tutto questo c’è una intelligenza artificiale che necessita di porzioni precise per fare il proprio lavoro. Le campagne di Google Shopping sono piuttosto grossolane rispetto alle campagne di annunci di testo molto più avanzate. Includere semplicemente più attributi di quelli che i tuoi concorrenti più svogliati inseriranno, a volte ti consente di mostrare i tuoi prodotti anziché i loro.

Oltre a quanto già detto, ricordate di:

  • Seguire i requisiti minimi di ciascun prodotto.
  • usare attributi facoltativi (ma consigliati).
  • Tenere conto che alcuni attributi si applicano solo a settori molto specifici, ad esempio l’abbigliamento.

Ottieni il tuo sconto del 10%

Dimostra che sei umano inserendo il tuo indirizzo email. Questo è importante perchè lo useremo per validare il tuo utilizzo del Coupon al momento dell'acquisto di un corso.

Ecco il tuo codice sconto da utilizzare su corsi.fuellabstudio.com : EARLYBIRD-FL2020-AK57&%

Rimani aggiornato sul Precision Digital Marketing

Non manderemo mai più di una email al mese, e saranno sempre incentrate su importanti novità per mantenere la tua attività online efficiente ed in linea con le normative e le best practices, e qualche offerta stagionale del nostro studio. 

Ok, abbiamo i tuoi dati in custodia e li useremo solo per gli scopi che già conosci.

Pin It on Pinterest

Condividi ora

Fai girare la voce nel tuo Network!